scala di sicurezza, scala a gabbia, protezione, sportello anti intrusione

UNI EN 14122-4 – Scale fisse

Scale fisse

Mezzi di accesso permanenti al macchinari

La norma UNI EN 14122-4 definisce i requisiti per le scale fisse a pioli che fanno parte di una macchina, per le parti regolabili non motorizzate e le parti mobili dei sistemi a scala fissa.

Per mezzi e scale fisse si intendono quelli montati in modo da essere rimossi solo tramite uso di utensili specifici.

Le scale fisse possono essere a rampe sfalsate o a rampa unica, e possono essere progettate a due montanti. In alcuni casi, come ad esempio uno spazio insufficiente per l’installazione della scala a due montanti, o nel caso in cui sia richiesto un sistema di arresto della caduta data la forte inclinazione della scala, è possibile la soluzione ad un montante.

Le scale fisse di sicurezza devono essere progettate per soddisfare gli stessi requisiti di installazione della macchina, tenendo conto, dove necessario, delle condizioni ambientali o di determinate circostanze.

Tutte le parti che potrebbero essere in contatto con gli operatori devono essere progettate in modo tale che le persone non vengano ferite o ostacolate. L’apertura o la chiusura di parti mobili non dovrebbe causare rischi per il soggetto.

Raccordi, cerniere, punti di ancoraggio, supporti e punti di montaggio devono mantenere l’assemblaggio sufficientemente rigido e stabile per garantire la sicurezza degli utenti in normali condizioni d’uso.

Definizioni

Nella norma sono indicate anche le principali definizioni, ne elenchiamo sotto alcune:

Scala fissa, o sistema di scale fisse: installazione di almeno una rampa di scale, una protezione contro le cadute e un pianerottolo e/o piattaforma.

Scala con due montanti: scala fissa in cui i pioli sono disposti tra i montanti verticali e fissati agli stessi.

Scala ad un montante: scala fissa in cui i pioli sono attaccati ad entrambe le parti del montante.

Rampa di scale: parte continua della scala fissa:

  • tra la zona di partenza e la zona di arrivo, nel caso di una scala senza piattaforme;
  • tra l’area di partenza e l’area di arrivo e la piattaforma più vicina;
  • tra piattaforme di appoggio consecutive.

Dispositivi di protezione anticaduta

In caso di rischio di caduta da un’altezza superiore a 3 metri, la scala di sicurezza deve essere munita di un dispositivo di protezione contro le cadute dall’alto, in modo tale da minimizzare o prevenire il rischio di caduta dalla scala. Le due protezioni principali sono:

  • Gabbia di sicurezza: dispositivo di protezione a forma di gabbia, fissato permanentemente alla scala, per minimizzare il rischio di caduta dalla scala.
  • Linea verticale: dispositivo anticaduta di tipo guidato su linea di ancoraggio rigida; da fissare alla scala e deve essere usato insieme ad un dispositivo di protezione individuale.

La norma ricorda che non è possibile abbinare i due sistemi di protezione in un’unica soluzione.

Gli aspetti da prendere in considerazione per la scelta di un dispositivo di protezione anticaduta sono:

  • altezza totale di salita;
  • rischio di caduta dall’alto e la probabile gravità delle lesioni;
  • condizioni di accesso, come limiti di portata o di progettazione;
  • fattori umani, come fatica, stress, esperienza, abilità e formazione;
  • aspetti legati al salvataggio;
  • aspetti ambientali, come vento o temperature estreme;
  • frequenza d’uso, se occasionale o comune;
  • movimentazione di utensili e pezzi di ricambio.

Solitamente la gabbia di sicurezza è l’opzione privilegiata in quanto garantisce la sua funzione indipendentemente dalle azioni degli operatori.

Scale fisse con gabbia di sicurezza

Quando una gabbia di sicurezza è disposta con anelli orizzontali associati a montanti, la distanza tra i due anelli deve essere inferiore a 1500 mm e, la distanza tra due montanti sulla gabbia non deve essere maggiore di 300 mm. Gli anelli devono essere posti ad un angolo di 90° rispetto ai montanti della gabbia. I montanti della gabbia devono essere fissati all’interno dell’anello e ad uguale distanza.Le distanze all’interno dell’anello della gabbia di sicurezza devono essere comprese tra 650 mm e 800 mm. Questo vale sia per le gabbie circolari che non; la distanza dal piolo alla gabbia deve essere anch’essa compresa tra 650 mm e 800 mm. Sotto la gabbia di sicurezza della scala fissa non devono essere presenti elementi che possano ostacolare l’accesso all’area di fronte alla scala. All’area di arrivo, la gabbia deve estendersi fino all’altezza del parapetto dell’area di arrivo.

La parte più bassa della gabbia di sicurezza deve iniziare ad un’altezza tra 2,2 m e 3 m dall’area di partenza.

La distanza tra i lati interni della gabbia, misurata lungo l’asse trasversale dei pioli della scala in corrispondenza dell’area di arrivo, deve essere superiore a 500mm ed inferiore a 700mm.

Lo spazio tra gli elementi della gabbia di sicurezza deve essere progettato in modo che gli spazi vuoti siano inferiori a 0,40m quadri.

Piattaforme e pedane di riposo

Se l’area di partenza e l’area di arrivo non sono costruite in modo orizzontale, solido e uniforme, la norma esplicita che devono essere applicate piattaforme o altri mezzi per garantire un’adeguata sicurezza.

Disposizioni per piattaforme o pedane per scale con altezza superiore a 10 m:

Nel caso in cui la scala sia usata da più di una persona contemporaneamente è necessario munire la scala di piattaforme intermedie, ovvero una struttura orizzontale tra due rampe consecutive di una scala. Ovviamente si deve tenere in considerazione il tipo di dispositivo di protezione anticaduta della quale è munita la scala per scegliere quale piattaforma utilizzare.

Nel caso in cui la scala sia munita di gabbia di sicurezza, dovrebbero essere installate piattaforme intermedie o pedane, al cambio di scala a rampe sfalsate, ad una distanza di massimo 6 m.

Scale con dispositivo di arresto della caduta con altezza superiore a 24 m:

Le scale a rampa unica dovrebbero essere equipaggiate con piattaforme di riposo a distanze inferiori a 24 m, ed ulteriori  nel mezzo, a distanza massima di 12 m. In caso non sia possibile l’applicazione di piattaforme di riposo per mancanza di spazio, possono essere montate pedane di riposo removibili. Stessa cosa è valida per le scale a rampa sfalsata.

Scale con dispositivo di arresto della caduta con altezza inferiore a 24 m:

In questo caso è necessario installare piattaforme di riposo a intervalli non superiori a 12 m.

Area di partenza e area di arrivo

Per impedire alle persone non autorizzate e/o alle persone non adeguatamente equipaggiate o non addestrate di accedere ai macchinari, si deve applicare sulle scale di sicurezza un dispositivo “anti-salita”.

Le misure per evitare che le persone cadano da alta quota devono essere applicate:

  • Su entrambe le parti dell’asse verticale della scala;
  • Su entrambe le parti delle passerelle adiacenti;
  • su tutta la lunghezza del bordo, se la lunghezza su entrambi i lati è inferiore a 1,5 m

La legge inoltre, ricorda che queste misure per impedire alle persone di cadere dall’alto sono indipendenti da qualsiasi dispositivo di protezione anticaduta.

Quando si applica un dispositivo di arresto della caduta, la connessione o disconnessione con questo dispositivo deve essere possibile solamente da un’area sicura.

Area di partenza (entrata)

Se la superficie di calpestio dell’area di partenza è stata rialzata più di 500mm, o è vicina alle aree non abilitate a prendere carichi, l’area di partenza deve essere munita di parapetto o un mezzo equivalente in grado di proteggere l’operatore dal rischio di caduta. La distanza tra la zona di partenza e il gradino più basso deve essere compresa tra 100mm e 400mm.

Area di arrivo (uscita)

Quest’area deve essere provvista di una piattaforma in accordo alle norme ISO 14122-2 e ISO 14122-3. Se la struttura della macchina o parte della costruzione è considerata area di arrivo, deve tenere in considerazione le norme dell’ISO 14122-2 e ISO 14122-3.
La parte superiore del gradino o piolo deve essere posizionata allo stesso livello della superficie calpestabile dell’area di arrivo.

Aperture di accesso

Le scale fisse devono avere un’uscita frontale o laterale per raggiungere l’area di arrivo.
L’ampiezza dell’apertura di accesso deve essere compresa tra 500mm e 700mm.

Cancelli a chiusura automatica

Per prevenire la caduta dall’apertura di accesso all’area di arrivo, l’apertura della scala deve essere munita di un cancello a chiusura automatica. Questo cancello deve rispettare le norme ISO 14122-3.

Botole

Se necessario, la piattaforma deve avere un’apertura per permettere l’accesso alla scala sotto la piattaforma, la quale può essere chiusa da una botola.
La botola deve essere progettata tenendo conto di alcuni requisiti:

  • l’apertura deve essere uguale almeno alla dimensione richiesta della gabbia della scala;
  • non si deve aprire verso il basso, ma solo orizzontalmente o verso l’alto;
  • può avere una chiusura automatica dopo il passaggio sicuro;
  • quando è aperta la botola deve consentire il passaggio dell’operatore;
  • deve essere manuale e semplice.
Linee vita, sistemi di sicurezza anticaduta

LVLineeVita opera dal 2007 nel settore producendo e fornendo sistemi di sicurezza anticaduta; prodotti personalizzati per le molteplici esigenze dei clienti. La nostra azienda si propone di offrire anche corsi specifici in materia che potrai trovare sul nostro sito.

Per qualsiasi perplessità non esitare a contattarci, saremo felici di risponderti!

Lascia un commento