Normative Linee Vita

linee flessibili, tipo c, sistemi anticaduta

NORMATIVE LINEE VITA

La legge italiana richiede la messa in sicurezza dei posti di lavoro che sono esposti a rischio di caduta da alta quota, a tutela dei lavoratori, mediante una normativa che obbliga l’installazione di Linee Vita in determinate situazioni.

A questo proposito in Italia è in vigore il Testo Unico sulla Salute e Sicurezza sul Lavoro (D. Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 – Testo coordinato con il D. Lgs. 3 agosto 2009, n. 106. Attuazione dell’art. 1 della legge 3 agosto 2007, n.123 in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro). In particolare, nell’Art. 107 vengono definiti cosa sono i Lavori in quota (per maggiori informazioni leggi qui), ovvero tutte quelle attività lavorative che espongono il lavoratore ad un rischio di caduta superiore a 2 metri di altezza.
Nell’Art. 111 vengono definiti gli obblighi del datore di lavoro, il quale ha l’obbligo di:

  • scegliere le attrezzature da lavoro più idonee al tipo di situazione, al fine di garantire un’adeguata sicurezza al lavoro;
  • individuare il sistema di accesso alle coperture in base al dislivello, frequenza di circolazione e durata del lavoro;
  • individuare tutte le misure che possano minimizzare i rischi di salute per gli operatori tramite, se necessario, i sistemi di protezione anticaduta con certificato di idoneità alla resistenza;
  • adottare misure di sicurezza alternative in caso di impossibilità di installazione di dispositivi di sicurezza collettivi o di una sua necessaria eliminazione temporanea. Si ricorda che a fine dei lavori il sistema di protezione collettivo deve essere ripristinato.

La definizione dei sistemi di protezione contro le cadute da alta quota è espressa nell’Art. 115. Nei lavori in quota è necessario che i lavoratori utilizzino idonei sistemi di protezione conformi alle norme tecniche, quali:

  • assorbitori di energia;
  • connettori
  • dispositivi di ancoraggio;
  • cordini;
  • dispositivi retrattili;
  • guide o linee vita flessibili/rigide;
  • imbracature.

Non è necessario che essi siano presenti contemporaneamente. L’articolo inoltre, impone che “Il sistema di protezione deve essere assicurato, direttamente o mediante connettore lungo una guida o linea vita, a parti stabili delle opere fisse o provvisionali”.

L’Art. 116 invece obbliga i datori di lavori ad impiegare sistemi di accesso mediante funi e a fornire un’adeguata formazione riguardante:

  • l’apprendimento delle tecniche operative e dell’uso dei dispositivi necessari;
  • l’addestramento specifico;
  • l’utilizzo dei dispositivi di protezione individuale, incluse le loro caratteristiche tecniche, manutenzione, durata e conservazione;
  • gli elementi di primo soccorso;
  • i rischi e le misure di prevenzione e protezione;
  • le procedure di salvataggio.

Norma di riferimento UNI EN

UNI EN è la sigla con la quale si distinguono le norme nazionali italiane che devono essere recepite dai paesi membri CEN; questo serve a standardizzare la normativa tecnica a livello Europeo.

Le principali norme UNI EN che riguardano le linee vita sono le seguenti:

  • UNI EN 341: Dispositivi di protezione individuale contro le cadute dall’alto. Dispositivi di discesa per salvataggio;
  • UNI EN 353-1: Dispositivi anticaduta di tipo guidato comprendenti una linea di ancoraggio rigida;
  • UNI EN 353-2: Dispositivi anticaduta di tipo guidato comprendenti una linea di ancoraggio flessibile;
  • UNI EN 354: Dispositivi di protezione individuale contro le cadute dall’alto. Cordini;
  • UNI EN 355: Dispositivi di protezione individuali per il posizionamento sul lavoro e la prevenzione delle cadute dall’alto. Assorbitori di energia;
  • UNI EN 358: Dispositivi di protezione individuali per il posizionamento sul lavoro e la prevenzione delle cadute dall’alto. Cinture di posizionamento sul lavoro e di trattenuta e cordini di posizionamento sul lavoro;
  • UNI EN 360: Dispositivi di protezione individuale contro le cadute dall’alto. Dispositivi anticaduta di tipo retrattile;
  • UNI EN 361: Dispositivi di protezione individuale contro le cadute dall’alto. Imbracature per il corpo;
  • UNI EN 362: Dispositivi di protezione individuale contro le cadute dall’alto. Connettori;
  • UNI EN 363: Dispositivi di protezione individuale contro le cadute dall’alto. Sistemi di arresto caduta;
  • UNI EN 364: Dispositivi di protezione individuale contro le cadute dall’alto. Metodi di prova;
  • UNI EN 365: Dispositivi di protezione individuale contro le cadute dall’alto. Requisiti generali per le istruzioni d’uso, la manutenzione, ispezione periodica, la riparazione, la marcatura e l’imballaggio;
  • UNI EN 517: Accessori prefabbricati per coperture: ganci di sicurezza da tetto;
  • UNI EN 813: Dispositivi di protezione individuale contro le cadute dall’alto. Sit-harness o imbracatura bassa per lavori in sospensione;
  • UNI EN 11560: Sistemi di ancoraggio permanenti in copertura – Guida per l’individuazione, la configurazione, l’installazione, l’uso e la manutenzione;
  • UNI 11158: Dispositivi di protezione individuale contro le cadute dall’alto. Sistemi di arresto caduta;
  • UNI EN 795: Dispositivi di protezione individuale contro le cadute;
  • UNI/CEN TS 16415: Raccomandazioni per dispositivi di ancoraggio per l’uso da parte di più persone contemporaneamente;
  • UNI EN 11578: Dispositivi di ancoraggio destinati all’installazione permanente;
  • UNI EN 14122-2: Passerelle;
  • UNI EN 14122-3: Parapetti di sicurezza;
  • UNI EN 14122-4: Scale di sicurezza.

Ispezioni

La norma UNI 11560:2014 regola le ispezioni che devono essere fatte alle Linee Vita, le quali devono essere registrate in moduli opportuni con riferimenti al committente, il luogo e la data di installazione e l’identificazione dell’impianto.

Le ispezioni da registrare sono:

  • l’Ispezione prima e dopo il montaggio;
  • l’ispezione prima dell’uso e segnalare eventuali difetti o irregolarità;
  • l’ispezione periodica
  • ispezione straordinaria in caso di avvenuta caduta o presenza di difetti.

In quali regioni sono obbligatorie le Linee Vita?​

La maggior attenzione in materia di sicurezza sul lavoro, ha portato molte regioni italiane alla promulgazione di leggi regionali che impongono l’installazione di linee vita sulle nuove costruzioni o sugli interventi di ristrutturazione.

Clicca sulla mappa per scoprire la normativa della tua regione!

In queste regioni i progetti riguardanti interventi di ristrutturazione, nuove costruzioni, installazione di impianti tecnologici in coperture come impianti fotovoltaici e solari termici, devono prevedere idonee misure preventive e protettive che consentono l’accesso, il transito e l’esecuzione dei lavori in quota in condizioni di sicurezza.

Linee vita, sistemi di sicurezza anti caduta

LVLineeVita opera dal 2007 nel settore producendo e fornendo sistemi di sicurezza anticaduta; prodotti personalizzati per le molteplici esigenze dei clienti. La nostra azienda si propone di offrire anche corsi specifici in materia che potrai trovare sul nostro sito.

Per qualsiasi perplessità non esitare a contattarci, saremo felici di risponderti!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *